Come funziona la quotazione diamanti

0

La quotazione diamanti è il valore di un diamante da investimento. Quanto vale, qual è il suo prezzo e la sua classificazione. Chi decide di investire in questo tipo di pietra preziosa non può ignorare le 5C, cioè le 5 caratteristiche essenziali.

Peso (Carat)

Il peso del diamante viene indicato in carati. Un termine che sicuramente conoscete, anche solo per sentito dire negli spot pubblicitari. Il carato, indicato con ct, corrisponde per la precisione a 0,200 grammi. Per quanto riguarda invece la quotazione in borsa, viene fatta in centesimi di carato.

Colore (Color)

Il colore è tra tutte le caratteristiche la più importante quando si parla di investire nei diamanti. Il prezzo di questa pietra preziosa infatti viene stabilito tenendo in considerazione proprio del colore. Possono essere presenti più sfumature, ma quando si parla di diamanti da investimento, solo quelli bianchi sono contemplati.

Purezza (Clarity)

Non dimentichiamoci che in questo settore una caratteristica importante è la purezza. La purezza di un diamante, così come dicono le direttive internazionali, può essere stabilita solo dopo un’analisi attraverso ingrandimento di almeno 10 volte superiore alla pietra stessa. In pratica nel campo degli investimenti solo le pietre IF, cioè Internally Flawless, con purezza di lente quindi, potrebbero essere acquistate. Ci sono poi ulteriori 7 classi, da quella che presente una minima parte di impurità fino all’impurità avanzata.

Taglio (Cut)

Il diamante quando viene estratto passa sotto le mani di esperti che lo tagliano. La particolarietà di questa pietra è che può essere sfaccettata in varie forme. Tuttavia il riconoscimento mondiale lo possiede solo il taglio rotondo a brillante, con 57 faccette più una all’apice. Di queste otto sono simmetriche, 24 è il padiglione e 32 la corona. C’è poi la tavola e c’è poi l’apice. Perché il taglio possa rientrare nel settore della quotazione diamanti occorre che sia Excellent, Very Good o Good.

Certificato (Certificate)

Per concludere c’è il certificato. Tutti quanti i diamanti devono possedere il certificato di garanzia, il quale è riconosciuto come valido in tutto il mondo. I diamanti nel campo dell’investimento devono essere sempre valutati seguendo delle direttive internazionali, dagli istituti gemmologici, i quali garantiscono la veridicità delle dichiarazioni che sono presenti sul Certificato. Sono sempre questi istituti poi a prendersi la responsabilità di questo.

La quotazione dei diamanti viene fatta in dollari americani, la valuta di riferimento per il commercio internazionale, almeno fin’ora. Questo perché i diamanti, come l’oro e il petrolio, fanno parte del mercato internazionale.

I diamanti sono molto preziosi perché sono molto rari. Sono pietre che si sono formate miliardi di anni fa e solo poche sono arrivate sulla superficie. Secondo alcuni dati, solo 350 tonnellate sono state estratte fino a oggi e solo il 50% sono arrivati nel ramo della gioielleria. Altra cosa che rende molto raro il diamante è che occorre tanto materiale minerario per ottenere un solo carato e inoltre, occorrono artigiani esperti per ottenere una rifinitura perfetta.