Vendere oro usato per acquistare nuovi gioielli: i consigli per non sbagliare

0

Negli ultimi anni sono sempre di più le persone che decidono di vendere il proprio oro usato, lasciato ad impolverarsi in cassaforte, per acquistare gioielli di moderni ed attuali. Del resto, anche i preziosi hanno subito nel tempo un’importante evoluzione. I cimeli ereditati dalle nonne sono certamente belli, ma spesso risultano poco adatti ad essere abbinati ai look odierni, a meno che non si decida di optare per uno stile vintage.

Non bisogna dimenticare che la maggior parte dei gioielli che vengono realizzati oggigiorno sono caratterizzati da forme essenziali e semplici, meno articolate di quelle che venivano proposte fino a qualche anno fa. L’intento è quello di far risaltare chi li indossa, ma in modo delicato e raffinato. Ovviamente, esistono diverse tipologie di preziosi, in modo da adattarli ad ogni tipo di occasione.

In generale, però, tutti tendono a puntare alla modernità. Tuttavia, pensare di cedere i propri ricordi di famiglia ad uno sconosciuto per acquistare qualcosa di nuovo non è sicuramente facile. Per questa ragione è importante farli valutare con attenzione ed affidarsi solo a professionisti esperti, seri e competenti.

Compro Oro: a chi è bene affidarsi?

Nelle diverse città italiane, ma soprattutto nella Capitale, il numero dei compro oro è in costante aumento. Tuttavia, non tutti sono veramente affidabili. Del resto, bisogna considerare che la maggior parte delle persone non dispone di adeguate competenze in campo orafo, utili per riconoscere eventuali truffe o valutazioni inadeguate.

Dunque, è facile incappare in commercianti disonesti, che approfittano dell’ingenuità dei clienti, richiamandone l’attenzione attraverso pubblicità ingannevoli, che non fanno riferimento alle quotazioni di mercato. Al contrario di quello che si potrebbe pensare, è facile attrarre la clientela promettendo valutazioni elevate dell’oro e dell’argento, ma quasi sempre si tratta di bufale, facilmente smascherabili.

Di fatto, chi ha un’ottima reputazione, come Orolive, non ha bisogno si utilizzare strumenti fraudolenti, ma soprattutto è in grado di mantenere le promesse fatte. Inoltre, di norma, pone massima attenzione al cliente, cercando di seguirlo dall’inizio e alla fine della contrattazione, in modo che possa cedere i propri gioielli, avendo la certezza che finiscano in mani esperte e sicure. I migliori compro oro, in più, forniscono anche un adeguato servizio post-vendita, che testimonia la serietà di chi opera in questo settore in maniera corretta.

Un Compro Oro affidabile: come riconoscerlo?

Un compro oro per essere veramente affidabile deve avere come obiettivo primario quello di soddisfare al massimo i clienti. Ciò è possibile solo offrendo un servizio di qualità e garantendo la massima remunerazione possibile, che deve avvenire in maniera chiara, ma soprattutto trasparente. Di solito, i commercianti validi che operano in questo settore prendono come riferimento le quotazioni dei metalli della Borsa di Londra, rendendole visibili anche alla clientela, magari attraverso un monitor.

Inoltre, la professionalità viene garantita mediante un’attenta valutazione dei pezzi destinati alla dismissione. Prima di tutto deve essere attuata la pesatura dei preziosi con una bilancia elettronica, omologata secondo il Decreto ministeriale n° 93 del 21.04.2017. Inoltre, è importante che i gioielli particolarmente vecchi vengano sottoposti ad analisi più specifiche, in modo da fugare ogni tipo di dubbio e da stabilire un valore più realistico.

Altro aspetto importante che non deve essere sottovalutato, è la compilazione di un modulo numerato in cui vengano riportati i dati del venditore e le notizie relative alla transazione, come stabilito dal  Decreto legislativo n° 92 del 5/7/2017, di cui una copia deve essere rilasciata al cliente. Infine, anche il pagamento deve sottostare a delle regole precise. Di fatto, fino a 499 euro è possibile utilizzare i contanti, ma superata tale cifra si deve procedere con un bonifico o un assegno, in base a quanto previsto dalla legge.

Loading...