Pirite: il fascino dell’oro degli stolti

0
pirite oro degli stolti

La pirite, che è un minerale di colore giallo ottone, conserva da sempre un fascino particolare, non solo perché ricorda l’oro, ma anche perché sfregandola rilascia scintille. La genesi del nome, del resto, è estremamente significativa, in quanto deriva dal greco πῦρ (pyr), che vuol dire fuoco. Tuttavia, fin dall’antichità, viene utilizzata per realizzare gioielli ed amuleti, utili per impreziosire e per procurare benessere al corpo ed alla mente.

Gli accostamenti che affascinano

Questo incredibile minerale, che spesso, in passato, veniva confuso con l’oro, tant’è che era conosciuto anche come “l’oro degli stolti“, si abbina perfettamente con altre pietre colorate di incredibile bellezza, come l’ametista, il turchese e la malachite. Tuttavia, esistono preziosi quasi esclusivamente realizzati in malachite, in modo da dare l’idea di una collana, di un anello o di un paio di orecchini metallici.

Solitamente, nonostante la malachite non sia estremamente costosa, l’effetto che si ottiene è quello di un gioiello prezioso e raffinato, da utilizzare anche in caso di occasioni formali. Spesso, per creare dei veri e propri pezzi unici, vengono sfruttate le particolari composizioni che questo minerale assume in natura (grani, globi, agglomerati, cristalli cubici).

I bracciali Tamashii

La pirite viene utilizzata anche in Tibet, dove i gioielli hanno un forte valore simbolico e consentono di tramandare valori religiosi e culturali estremamente antichi, per realizzare i braccialetti Tamashii, utilizzati dai monaci tibetani come talismano, ma anche per le pratiche religiose. Infatti, Tamashii significa “anima” e deriva da tama, che significa, a sua volta, gioiello. Per tanto di parla di “gioiello dell’anima”, che indica amore verso se stesso e verso gli altri.

La pirite viene spesso inclusa in questo particolare prezioso, al posto dell’oro, che per i buddisti rappresenta la luce, il sole e la vita, nonché la consapevolezza di quelle che sono le proprie origini. Attualmente, questo incredibile prezioso può essere indossato da chiunque voglia trasmettere un messaggio di pace al mondo, o da chi desidera semplicemente avere al polso qualcosa di diverso e di interessante.

Proprietà della pirite

Spesso i gioielli che prevedono l’utilizzo della pirite hanno scopi terapeutici, in quanto molti pensano che questo particolare minerale abbia proprietà antidolorifiche ed antinfiammatorie, e possa essere utile per rafforzare il sistema immunitario. Sul piano psichico, invece, la pirite può essere utile per accettare al meglio i cambiamenti e per allontanare i contrasti, che sono fonte di stress e di ansia, nonché per approfondire la conoscenza di sé.

Inoltre, può essere indossata per attirare l’abbondanza e la fortuna. Alla luce di quanto appena riportato, dunque, questo minerale può essere utilizzato come una sorta di amuleto, che, però, non deve entrare a diretto contatto con la pelle, poiché può causare alterazioni della cute, in quanto può produrre acido solforico.

Si ritrova spesso, quindi, in ciondoli od in braccialetti, ma rivestita d’argento. É importante ricordare anche che la pirite, pur essendo resistente ai graffi ed agli urti, soffre molto il contatto con l’acqua e si ossida con estrema facilità. Per tanto la pulizia deve essere effettuata con un panno morbido ed, all’occorrenza, con dell’alcol etilico.